Home / Edizioni Passate / 17th edition_2016

17th edition_2016

LFF – XVII edizione

Anno: 2016
Dove: Centro TILT – Marconia di Pisticci
Quando: 10-11-12-13 agosto 2016
Giuria: Farnoosh Samadi (Iran), Wadda Al Fahed (Siria), Carmine Cassino (Italia), Martha
Eidsness Mitchel (USA), Alessandro Piva (Italia)
Ospiti: Alessandro Piva, Laura Morante, Silvia Scola, Carlo Buccirosso, Carmine Amoroso
Extra: Mostra dal film “The prince of Venusia” di Silvio Giordano;  AgriMovie contest con Assessorato Agricoltura Regione Basilicata e proiezione extra “Transumanza in Basilicata, una storia vera” di Mario Reale; Talk di cinema con Laura Morante e proiezione del suo film “Assolo”; Proiezione extra “Io sto con la sposa” di A. Augugliaro, G. Del Grande, K. S.Al Nassiry; I Giovani del LFF; Talk “Cinema, guerra e immigrazione”, con Waddah Al Fahed (Syria) e Rachele Masci del film “Io sto con la sposa”; Presentazione del libro di Fabio Morici “Alejandro González Iñárritu Metafisica e Metacinema”; Spettacolo teatrale “Una famiglia quasi perfetta”, con Carlo Buccirosso, a cura di Teatri Uniti di Basilicata; Proiezioni extra a cura della Lucana Film Commission; Proiezione extra “Milionari” di Alessandro Piva e talk di cinema con l’autore; Talk “Brexit music contest” con Angelo Guida; Cerimonia di inaugurazione del “Teatro Scola” di TILT con Silvia Scola; Proiezione extra del film “Ridendo e scherzando” di Paola Scola e Silvia Scola; Full Attack Band in concerto; Proiezione extra del film “Porno e libertà” di Carmine Amoroso
Concept della XIV edizione: il cinema è una storia di immemorabile bellezza
Grafica: Claudia D’Anna
Curiosità: Il LFF cambia ancora una volta location, spostandosi al Centro TILT a Marconia di Pisticci. Memorabile il numero delle opere in proiezione, oltre ottanta. Per la prima volta il LFF garantisce la programmazione in diretta on line oltre ad approfondimenti sui registi presenti, sugli ospiti e sui giurati.

Note:
Una “grande” giuria quella della XVII edizione del LFF, composta da: Alessandro Piva regista di molti importanti film tra cui “La capa gira”; Carmine Cassino cinefilo, blogger e filmmaker lucano, organizzatore delle giornate del Festival del Cinema italiano di Lisbona; Martha Eidsness Mitchel che ha lavorato con registi del calibro di Spike Lee, David Fincher e con Robert De Niro; Farnoosh Samadi, sceneggiatrice di film più volte selezionati al festival di Cannes; Waddah Al Fahed, regista siriano, vincitore al LFF nel 2015 per il “Miglior soggetto” per la sezione corti fiction, con il film “Black stone children”. Cinque, dunque, i giurati provenienti rispettivamente da Iran, Italia, USA e Siria, chiamati a valutare le opere selezionate. Complessivamente sono più di ottanta i film in concorso tra le sezioni internazionali e le sezioni extra: il numero più elevato della storia del LFF.  E’ sul grande cinema italiano che la XVII edizione punta, ancora una volta, i suoi riflettori: con il talk su “Il cinema sociale”, con l’autore Alessandro Piva; l’incontro con Laura Morante, cha ha lavorato con importantissime personalità del mondo dello spettacolo quali Carmelo Bene, Nanni Moretti, Gianni Amelio e i fratelli Bertolucci; e ancora con Silvia Scola con la sua grande esperienza di figlia d’arte e sceeggiatrice. Fuori concorso e in seconda serata Carmine Amoroso presenta il suo documentario “Porno e libertà”, che racconta la lotta di una generazione cha ha combattuto il puritanesimo e la censura in nome della liberà sessuale. Carmine Amoroso è regista e sceneggiatore di tanti film, tra cui “Parenti serpenti” di Mario Monicelli, tratto dall’omonima piece teatrale scritta dallo stresso Amoroso; attualmente è professore di regia e scrittura drammaturgia alla Scuola Nazionale di Cinema. Ma il LFF si caratterizza, da sempre, per il suo sguardo attento sul mondo con la sensibilità di chi vuole conoscere e dialogare con le diverse culture. L’internazionalità dell’evento si conferma anche quest’anno, attraverso il focus su tematiche importanti legate, per questa edizione, al cinema nelle zone di guerra, con il talk con il regista siriano Waddah Al Fahed, e sul cinema e l’immigrazione, con il talk sul film “Io sto con la sposa” di A. Augugliaro, G. Del Grande, K. S.Al Nassiry. E ancora con il talk “Brexit” di Angelo Guida, una riflessione sulla geopolitica europea attraverso il linguaggio musicale di alcuni artisti inglesi come Beatles, David Bowie e Radiohead. Novità di questa edizione è la possibilità di fruire on-line di una parte della programmazione del festival, attraverso il canale streaming, così come di tanti approfondimenti sui registi presenti, gli ospiti e i giurati per consentire, a chi non ha potuto presenziare all’evento, di restare aggiornati sulle attività del XVII LFF. Inoltre si è potuto mettere a disposizione il pernottamento in tenda a molti giovani provenienti da ogni dove, che hanno voluto vivere un’esperienza a 360 del festival. Si è lavorato sull’abbattimento delle barriere architettoniche per rendere l’evento sempre più accessibile anche a chi ha disabilità motorie e non solo.

locandina 17   programma - fronte2016

Comments

comments

Check Also

BANNER sito keynot.012

10th edition_2009

LFF – X edizione Anno: 2009 Dove: Rione Terravecchia – Pisticci Quando: 10-11-12-13 agosto 2009 ...