SPECIALE Lucania Film Festival – TRACCE EBRAICHE

SPECIALE LUCANIA FILM FESTIVAL – TRACCE EBRAICHE – 2022
17 maggio – Venosa / 18 > 20 maggio – Matera / 20 maggio h 20:30 – Pisticci

PROGRAMMA “SPECIALE LFF – TRACCE EBRAICHE”

>> 17 MAGGIO 2022 > H 17:00 / 21:00 – CASTELLO ARAGONESE – VENOSA

h. 17:00 / 19:00 – Sala del Trono / Loggiato
Forum interdisciplinare “Le catacombe ebraiche di Venosa. Tutela e valorizzazione tra passato, presente e futuro” con GIANCARLO LACERENZA (Presidente Centro Studi Ebraici), LUIGINA TOMAY (Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio – Basilicata), MARIANNA IOVANNI (Sindaco di Venosa)
Clicca qui e prenota il tuo posto

h. 19:00 / 20:30
Focus “I riti della cultura ebraica” a cura di MIRIAM CAMERINI
Clicca qui e prenota il tuo posto

h 20:30
Performance “La Cotogna di Istanbul”
di Paolo Rumiz – Letture ed esecuzioni di brani a cura dei docenti e degli allievi del Liceo Musicale “Q. Orazio Flacco” – Venosa
Clicca qui e prenota il tuo posto

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

>> 18 MAGGIO 2022 > H 17:00 / 21:30 – EX OSPEDALE S. ROCCO – MATERA

h. 17:00 / 19:00
Lectio Magistralis “Matera e Gerusalemme, Italia e Israele allo specchio: rappresentazioni dell’altra nazione nelle cinematografie dei due paesi” a cura di  ASHER SALAH
Clicca qui e prenota il tuo posto

h 19:00 / 20:30
Lectio Magistralis “Dybbuk e Taranta. Donne e storie di possessione. Ebraismo e Tarantismo” con l’antropologo prof. EUGENIO IMBRIANI (Università del Salento) e
MIRIAM CAMERINI
Clicca qui e prenota il tuo posto

h  20:30
Performance di Danza Contemporanea “Jewish Soul” – coreografie di MARIO PIAZZA, coreografo assistente LUDOVIC PARTY, interpreti: le allieve del Liceo Musicale – Coreutico ISIS “Pitagora” –
Montalbano J.
Clicca qui e prenota il tuo posto

Inaugurazione Mostra “Dall’Alef alla cinetica. Un alfabeto in metaverso” – Artiste: Martina Venturini, Rosita Uricchio, Olga Poliektova, Tatiana Poliektova, Roberta Gioia, Davide Salvemini

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

>> 19 MAGGIO 2022 > H 09:00 / 21:30 – EX OSPEDALE S. ROCCO – MATERA

h. 9:00 / 12:00
Laboratori scolastici di Cucina Kasher con Rav ARIEL FINZI (Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Napoli)

h. 17:00 /19:00
Lectio Magistralis / Laboratorio di cucina “Ortoprassi della Cucina Ebraica” con
 Rav ARIEL FINZI (Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Napoli)

Ariel Finzi incontra gli operatori dell’agroalimentare lucano per il progetto “Italian Food Experience” e il programma “Erasmus Giovani Imprenditori“ per lo scambio tra Israele e Basilicata.
Clicca qui e prenota il tuo posto

h. 19:00 / 20:30
TALK
“Archeologia ebraica – I segreti di Matera – Suggestioni sulla presenza ebraica nella città dei morti viventi” con DAMIANO LATERZA e DONATO RIZZI
clicca qui e prenota il tuo evento

h. 20:30 / 22:00 
Concerto/Spettacolo “Viaggio nella musica ebraica – Caffe Odessa”
con MIRIAM CAMERINI (voce), MANUEL BUDA (chitarra e saz), BRUNA DI VIRGILIO (violoncello e pianoforte), ROUBEN VITALI (clarinetto).
Da Berlino a Tel Aviv, da Istanbul a Buenos Aires, canzoni si susseguono, profumi si intrecciano, sapori si mischiano. Yiddish, ebraico, ladino, inglese, spagnolo. Ma allora esiste la musica ebraica? Forse la vera radice sta nel Medio Oriente, oppure si perde nella notte dei tempi…”
Clicca qui e prenota il tuo evento

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

>> 20 MAGGIO 2022 > H 17:00 / 22:00 – EX OSPEDALE S. ROCCO – MATERA

17:00
Laboratorio di scrittura ebraica a cura di
ANNA LINDA CALLOW 

h 18:30
Presentazione del libro
“La lingua che visse due volte: Fascino e avventure dell’ebraico” di Anna Linda Callow – Garzanti Editore
Clicca qui e prenota il tuo posto

>> 20 MAGGIO 2022 > H 20:30 / 22:00 – RISTORANTE L’INCONTRO – PISTICCI

h. 20:30 
Cena / Spettacolo Lo Shabbat di tutti. Il  Sabato ebraico” di MIRIAM CAMERINI, con
ROUBEN VITALI e MANUEL BUDA, in collaborazione con Slow Food – Magna Grecia Metapontum
Cicca qui e prenota il tuo evento

|||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||||

PROGRAMMA PER LE SCUOLE

A seguito di seminari e laboratori realizzati all’interno delle scuole nei mesi di marzo/aprile, i ragazzi degli istituti che hanno aderito al progetto, incontreranno gli esperti con cui hanno realizzato le performance di danza, i saggi musicali e gli elaborati letterari. Di seguito il programma a loro dedicato

>> 17 MAGGIO 2022 > H 09:00 / 13:00 – CASTELLO ARAGONESE – VENOSA

h. 9:00 / 10:30
“Ebrei in Basilicata – Le catacombe di Venosa” con il prof. GIANCARLO LACERENZA

h. 10:30 / 14:00
Visite guidate – Catacombe ebraiche e Parco Archeologico di Venosa

>> 18 MAGGIO 2022 > H 09:00 / 12:00 – EX OSPEDALE S. ROCCO – MATERA

h. 9:00 / 12:00
Laboratori scolastici “I rituali ebraici” con MIRIAM CAMERINI – “Il Cinema Sociale israeliano” con ASHER SALAH

>> 19 MAGGIO 2022 > H 09:00 / 13:00 – EX OSPEDALE S. ROCCO – MATERA

h. 9:00 / 12:00
Laboratori scolastici Cucina Kasher con il rabbino maggiore ARIEL FINZI

>> 20 MAGGIO 2022 > H 09:00 / 13:00 – EX OSPEDALE S. ROCCO – MATERA

h. 9:00 / 12:00 
Laboratori scolastici “La scrittura e l’alfabeto ebraico” con ANNA LINDA CALLOW

Si ringraziano le scuole aderenti: ISIS “Duni-Levi” – Matera, ISIS “Pitagora” – Montalbano Jonico, ISIS “Orazio Flacco” – Venosa, ISIS “Orazio Flacco” – Potenza, ISIS “T. Stigliani” – Matera, ISIS “A. Turi” – Matera.

La 23a edizione del Lucania Film Festival 2022 è la prima nella sua nuova veste abbinata a un Paese, associata a una tradizione, armonizzata a una cultura: l’iniziazione a questo nuovo format è nell’immensa e ancestrale sapienza ebraica.

Si parte da Venosa, dove si trovano le catacombe ebraiche risalenti ai secoli IV e VI d.C. e attraverso epigrafi e incisioni le Tracce Ebraiche ci illustrano quell’insopprimibile esigenza umana di provare a fermare l’Immortale in un segno, di offrirne testimonianza in un vestigio; come cerca di fare il Cinema.

Dall’antica arenaria, delle suggestive catacombe, le Tracce portano all’unicum architettonico del tufo di Matera – Capitale Europea della Cultura 2019 – dove il fruitore può immergersi in lectio magistralis di Scrittura e Letteratura e in affascinanti performance di Teatro e Danza ebraica: espressioni del corpo, intelletto e spirito si dilettano in parola e azione; il Festival si scopre festa arcaica e contemporanea, una preghiera che si intona e balla con il Sacro.

Srotolando l’alfabeto ebraico – del quale saranno offerti preziosi approfondimenti – si attraversa il principio nascente e la rivelazione finale di tutte le cose: sono infatti le lettere stesse, “pronunciate” dallo spirito cosmico, ad aver creato il mondo. Non sono lettere meramente funzionali a strutturare la parola, ma lettere “cariche” di potenza generativa: ad ogni lettera corrisponde una forma animata, un suono evocativo, una vibrazione universale. Un alfabeto che è vivo, eppure nella sua essenza resta indicibile.  

Dall’archeologia, le Tracce Ebraiche, ci conducono ad un Festival che oltre ad offrire opere cinematografiche sulla cultura ebraica si estende al di là dello spazio dello schermo e delle sale, si proietta oltre i giorni della kermesse; un meta-festival che si fa valorizzazione del territorio, scoperta delle radici culturali e religiose comuni, educazione nelle scuole, opportunità sinergiche nella consumazione di pasti Kosher e approfondimenti con accademici di alto carisma intellettuale, fino alla celebrazione dello Shabbat: il calendario delle festività sacre aderisce alla cadenza della natura senza smettere di anelare al soprannaturale. 

L’edizione 2022 del Lucania Film Festival, dalla celebrazione della Settima Arte si fa appuntamento per il recupero del rituale, risveglio del momento per la contemplazione, occasione per la meditazione. Un Festival che si relaziona con le città che lo circondano, con gli abitanti del mondo, che conserva memoria del passato e slancio verso il futuro, e che così si eleva alla speculazione metafisica alla scoperta di un Divino relazionale, inconcepibile senza il suo popolo. Alla scoperta di una filosofia dell’Altrove insondabile ma che trae dalla storia e dalla memoria, sospeso tra una distanza incolmabile e un patto sempre immanente: paradossi fecondi che puntano a trascendere la condizione umana, linguaggi che aspirano all’Eterno, come l’Arte e il Cinema.

Giulia Bertotto